ANTONIO CICCONE & LUIGI FALAI:
Omaggio a Pietro Annigoni II / Homage to Pietro Annigoni II

1/5

​Download Press Release PDF

Italian Version PDF

[Scroll down for Italian version / Testo in italiano al termine della versione in inglese]

Homage to Pietro Annigoni II Florentine Masters Antonio Ciccone & Luigi Falai on exhibit in Arezzo from April 12 to 23, 2015

 

Danielle Villicana D’Annibale, with immense honor, is pleased to present in the exhibition spaces of Via Cavour 85, in Arezzo, an exhibit of two great Masters, Antonio Ciccone e Luigi Falai, both appreciated in all of the world. The two artists give homage to their Master, the magnificent Pietro Annigoni. The bi-solo exhibit of drawing and painting, entitled “Homage to Pietro Annigoni II,” inaugurates Sunday, April 12, 2015, at 6pm. On occasion of the inauguration, journalist Fabrizio Borghini will be present for the transmission of Incontri con l’Arte (Encounters with Art). The exhibit enjoys the collaboration with the Toscana Cultura Association and the Media partner Toscana TV.

The exhibition, curated by Danielle Villicana D’Annibale, with host a selection of drawings realized in charcoal and works painting in oil on canvas. We note that the selection of the works will be slightly different than those that were on exhibit in the first exhibit in 2014, “Homage to Pietro Annigoni” presented in Pontassieve. All the works will be exhibited for the very first time in Arezzo.

The exhibit is visitable, at free entrance, until Thursday, April 23, 2015, with the following hours: Tuesday to Saturday, from 4am to 8pm and by appointment.

Amongst the collateral events, we note the closing event Thursday, April 23, 2015, at 6pm, entitled “Meet with Master Artists Antonio Ciccone and Luigi Falai,” for he who would like to get to know the artists personally.

Two catalogues will accompany the exhibit, created by Danielle Villicana D’Annibale, and will include critical texts by Art Critics Vittorio Sgarbi, Antonio Paolucci, Maurizio Vanni, Tommaso Paloscia e Pier Francesco Listri. They also include texts by Gilberto Grilli and Benedetto Annigoni, the son of Master Annigoni.

 

Words written about the artists:

Ciccone observed and studied artists from the Renaissance until today; he was guided by the choice of his great Pietro Annigoni, to whom he dedicated this series of works, arriving at a particular drawing technique that allows one to paint with charcoal without brushes or colors.”

Maurizio Vanni (Metamorphosis Antonio Ciccone, from the text Paint with Charcoal, Pietro Chegai Editore, 2000)

 

He was always a part of our home. Ever since, more than forty years ago, Luigi Falai entered my father’s studio, his figure, his cordial and devoted presence, have been an inseparable part of our family. My father had judged him correctly. Luigi was a good man, loyal, passionate, full of qualities and talent. A talent which was mostly expressed by his perception and representation of fleeting seasons, of the peculiarities of different atmospheres, by his way of treating landscape as an expression of the human soul.” Benedetto Annigoni, son of the Master Pietro Annigoni

 

Presentation of Danielle Villicana D’Annibale, curator of the exhibit:

To open our fifth season with artists of such a high level of artists showing in our space at Via Cavour 85 is a dream realized. My personal journey of life, studying figurative and classical art, brought me to Italy in 1994 and to the studio of Master Silvestro Pistolesi in 1997. Thanks to him, I met Master Luigi Falai, and thanks to Luigi, I met Master Antonio Ciccone. All three are great artists and true Florentine Masters (even if Ciccone is an “Adoptive of Florence).

 

The first exhibit presented at Pontassieve is where I first became familiar with the works of Antonio Ciccone. His drawings left me literally breathless. It is not by chance that he is considered a premier portraitist of world fame. Such beauty and skill! Technical ability mixed with divine light. He lives a love affair with black and white. “Infinity,” Maestro Ciccone explained to me, regarding his fascination with the circle and the sun, reoccurring entity in his drawings and paintings. Impeccable light, sometimes white light and sometimes warm, as the golden Tuscan light. He mixes a sort of fresh abstraction with realism with his references to precise mathematics: lines and geometry giving homage to Brunelleschi, Master Ciccone explained me, of who he is marveled by for his masterpiece the dome of the Cathedral Santa Maria del Fiore, The Dome of Florence. The perfection of the circle and the sun, mathematics, all together create a perfect dynamic setting for his extremely subtle portraits. The works of Master Antonio Ciccone are simply magnificent. Art Critics Vittorio Sgarbi, Maurizio Vanni describe impeccably this Master. Their critical texts are included in the catalogue.

 

Master Luigi Falai, on the other hand, has a love affair with color and nature. He too gives homage to his most important Master with this series of exquisite oil paintings, with golden delicious colors, choosing dear places where he painted with the Master. The selection is extremely sentimental. The colors in the works of Luigi Falai radiate a light that comes from deep within the heart of man and from the rich Mother earth. Massaciuccoli, explained Master Falai, was a place where he went often with the Master to paint. A magnificent location where the Master had a boat, which a friend gave him as a gift in thanks for a portrait of his wife, where they went to paint in plein air, one of their favorite past times. Castagno d’Andrea is another delightful jewel of nature where the artists of the school of Annigoni would meet and go and paint the Tuscan landscape, the exact city where I met Master Falai , a few years back on visit to my Master Silvestro Pistolesi. Art Critic Pier Francesco Listri, Gilberto Grilli and Benedetto Annigoni, son of Master Pietro Annigoni, describe accurately Master Luigi Falai. Critical texts are included in the catalogue.

 

What is so beautiful about this exhibit is not just the works of art, but the love these artists had for their Master. World renowned, famous for his portrait of the Queen Elisabeth II of England and many others, Pietro Annigoni is a Master that deserves even greater world fame and recognition. What is most admirable in the school of Annigoni is the spirit of “bottega” the passing of traditions from painter to painter, artist to artist, the encouragement and the desire of these noted and mature artist to share their masterpieces and exhibit them to Arezzo, not only with the intention to dazzle the viewer with their incredible technical ability, choice of composition and light, but to simply share their great love of drawing and painting and their Master Annigoni and encourage the pursuit for excellence in drawing and painting in their beloved Tuscany.

 

Brief biographies:

Antonio Ciccone was born in S. Giovanni Rotondo, in Puglia. In 1954, he moved to Florence where he frequented the studio of Pietro Annigoni, Nerina Simi and the Scuola Libera del Nudo at the Accademia di Belle Arti (Academy of Fine Arts). From 1963 to 1980 he lived between Italy and the United Sates. He has had over 175 solo exhibitions and his works may be found in museums and private collections. He has done numerous portraits, compositions and landscapes, in various techniques: charcoal, china, oil, acrylic and fresco. Considered amongst the principal portrait painters in the world, Ciccone is renowned for his masterful portraits in charcoal and acrylic. From 1986 to 1987 he presented an itinerant exhibit in England and Ireland: Padre Pio and the Gargano. In 1987 he created the fresco Nativity at Ponte Buggianese (Pistoia). In 1992 he was commissioned the work Composition1992-1993 for the Cassa Rurale and Artigiana of San Giovanni Rotondo. Many works may be found in museums and private collections, such as, Casa Sollievo della Sofferenza and Cappuccini Convent of S. Giovanni Rotondo (Foggia); Parrish Art Museum, Southampton, N.Y.; Guild Hall, East Hampton, N.Y.; Forbes Magazine Collection, N.Y.; Dixie Carter Collection, Los Angeles; Robert D. Schweizer Collection, Arizona and Lady Christina Hoare Collection, London. The artist lived and works in Firenze.

 

Luigi Falai was born in Florence in 1941, where he lives and works. From 1960 he was present in the studio of the painter and copyist Adolfo Tagliaferri, then he enrolled in the Scuola Libera del Nudo of the Accademia di Belle Arti of Florence (Academy of Fine Arts) in 1964, under the instruction of Emanuele Cavalli. In 1967 he began frequenting the studio of master Pietro Annigoni and soon after the studio of Romano Stefanelli, where he learned, amongst the multiple techniques, tempera grassa, fresco and the strappo of fresco. In his career he received prestigious commissions, amongst which we note an oil painting entitled Don Giovanni Bosco tra i giovani for the Salesiano Sanctuary of the Sacred Family in Florence, the frescoes illustrating Il Bacio di Giuda e La consegna delle chiavi a Pietro for the Sanctuary of S. Michele Arcangelo in Ponte Buggianese (Pistoia) and the fresco with I Sacramenti for the church of Sant’Anna in Pietrelcina (Benevento). He has been teaching fresco since 1983 at the American school S.A.C.I. “Studio Art Centers International” of Florence, and since 2001 at the La Bottega del Bon Fresco, opened in the capital of Tuscany, together with colleagues Massimo Callossi and Mario Passavanti. Numerus, his successful exhibits in Italian cities and abroad. Amongst the solo exhibitions are to note: the Institute of Italian Culture of San Francisco in 1991, in New York in 1992, at Perth in Australia in 1993, in Bogotà in Colombia in 1999, at Palazzo Panciatichi, headquarters to the Regional Council of Tuscany in 2012, and in 2014 in Pontassieve at the Casa Rossa.

 

For further information, please contact Danielle Villicana D’Annibale at villicanadannibaleinc@gmail.com, (+39) 338 600 5593.

 

Please follow and share with Danielle Villicana D’Annibale and Via Cavour 85 on Facebook (@viacavour85Arezzo), Twitter (@ViaCavour85AR), Pinterest (pinterest.com/daniellevillica), YouTube (youtube.com/user/villicanadannibale), Google+ (@Danielle Villicana D’Annibale) o tramite gli hashtags #AntonioCiccone, #LuigiFalai, #OmaggioaAnnigoniII, #ViaCavour85 e #DanielleVillicanaDAnnibale.

 

________________________________________________________________________

 

Omaggio a Pietro Annigoni II Maestri fiorentini Antonio Ciccone & Luigi Falai in mostra ad Arezzo dal 12 al 23 aprile 2015

 

Con immenso onore, Danielle Villicana D’Annibale e lieta di presentare negli spazi espositive di Via Cavour 85, ad Arezzo, una mostra di due grandi Maestri, Antonio Ciccone e Luigi Falai, apprezzati ambedue in tutto il mondo. I due artisti rendono omaggio al loro maestro, il magnifico Pietro Annigoni. La bi-personale di disegno e pittura, dal titolo “Omaggio a Pietro Annigoni II”, inaugura domenica 12 aprile 2015, alle ore 18. In occasione del vernissage sarà presente il giornalista Fabrizio Borghini per la trasmissione di Incontri con l’Arte. La mostra gode la collaborazione dell’Associazione Toscana Cultura e la partecipazione del Media partner Toscana TV.

L’esposizione, a cura di Danielle Villicana D’Annibale, ospiterà una selezione di disegni realizzati a carboncino e opere dipinte ad olio su tela. Notiamo che la selezione di opere sarà leggermente diversa di quelle che fu in esposizione nella prima mostra del 2014, “Omaggio a Pietro Annigoni” presentata a Pontassieve. Tutte le opere sono inedite ad Arezzo.

La mostra è visitabile, a ingresso gratuito, fino a giovedì 23 aprile 2015 con il seguente orario: dal martedì al sabato, dalle ore 16 alle ore 20 e dietro appuntamento.

Tra gli eventi collaterali si segnala il finissage di giovedì 23 aprile, alle ore 18, dal titolo “Incontro con i Maestri Artisti Antonio Ciccone e Luigi Falai,” per chi vuole conoscere gli artisti personalmente. I due cataloghi che accompagneranno la mostra sono curati da Danielle Villicana D’Annibale e includerà testi di Critici d’Arte Vittorio Sgarbi, Antonio Paolucci, Maurizio Vanni, Tommaso Paloscia e Pier Francesco Listri. Includono anche testi di Gilberto Grilli e Benedetto Annigoni, il figlio del Maestro Annigoni.

 

Parlano degli artisti:

Ciccone ha osservato e studiato gli artisti dal Rinascimento ai giorni nostri; è stato guidato nella scelta dal suo grande maestro Pietro Annigoni, al quale ha dedicato questa serie di opere, arrivando a una particolare tecnica disegnativa che permette di dipingere con il carboncino senza pennelli e senza colori”. 

Maurizio Vanni (Metamorphosis Antonio Ciccone, dal testo Dipingere con il Carboncino. Pietro Chegai Editore, 2000.)

 

È sempre stato di casa. Da quando, più di cinquant’anni fa, Luigi Falai si presentò nello studio di mio padre, si può dire che la sua figura, la sua cordiale e devota presenza sono parte indissolubile della nostra famiglia. Mio padre aveva visto giusto. Luigi era un uomo buono, bravo, fedele, appassionato, pieno di qualità e di talento. Un talento che si esprimeva soprattutto nel percepire e rappresentare nei suoi lavori il mutare delle stagioni, le peculiarità delle diverse atmosfere, il paesaggio come espressione dell’anima”. 

Benedetto Annigoni, Figlio del Maestro Pietro Annigoni

 

Presentazione di Danielle Villicana D’Annibale, curatrice della mostra:

Aprire la nostra quinta stagione con artisti di tale livello nel nostro spazio a Via Cavour 85 è un sogno realizzato. Il mio personale percorso di vita, studiando l’arte figurativa e classica, mi ha portato in Italia nel 1994 e allo studio del Maestro Silvestro Pistolesi nel 1997. Grazie a lui, ho conosciuto il Maestro Luigi Falai, e grazie a Luigi, ho conosciuto il Maestro Antonio Ciccone. Tutti e tre sono grandi artisti e veri Maestri Fiorentini (anche se Ciccone è un “Adottivo di Firenze”). La prima mostra presentata a Pontassieve è dove ho conosciuto le opere di Antonio Ciccone. Mi hanno lasciata letteralmente senza fiato. Non è per caso che lui è considerato un premier ritrattista nel mondo. Bellezza e maestria! L’abilità tecnica mescolata con divina luce. Vive una storia d’amore con il bianco e nero. “L’infinito”, mi ha spiegato il Maestro Ciccone, è alla base della sua passione per il cerchio, la sfera e il sole - entità ricorrente nei suoi disegni e opere pittoriche. La luce impeccabile, a volte bianca e a volte calda, come la nota luce dorata Toscana, mescola una sorta di fresca astrazione e realismo. I suoi riferimenti e precisioni matematiche: linee e geometrie omaggiano Brunelleschi, mi spiegava il Maestro Ciccone. Il suo capolavoro, la cupola della Cattedrale Santa Maria del Fiore, Duomo di Firenze, stimola in lui una continua ammirazione. La perfezione del cerchio e del sole, la matematica, creano tutti insieme un perfetto ambiente dinamico per i suoi sottilissimi ritratti. Le opere di Antonio Ciccone sono semplicemente magnifiche. I critici d’Arte Vittorio Sgarbi, Antonio Paolucci, Maurizio Vanni e Tommaso Paloscia descrivono impeccabilmente questo Maestro. I loro testi critici sono riportati nel catalogo.

 

Il Maestro Luigi Falai, in confronto, vive una storia d’amore con il colore e la natura. Anche lui rende omaggio al suo Maestro più importante con questa selezione di squisiti dipinti ad olio, con deliziosi colori, scegliendo luoghi cari dove lui ha dipinto insieme al Maestro Annigoni. La selezione è estremamente sentimentale. I colori nelle opere del Maestro Falai, irradiano una luce che proviene dal profondo del cuore dell’uomo e dalla ricca Madre terra. Massaciuccoli, mi ha spiegato il Maestro Falai, era un luogo dove lui andava spesso insieme al Maestro a dipingere. Un luogo magnifico dove il Maestro aveva una barca, che un amico gli regalò in ringraziamento per un ritratto della moglie, e luogo dove andava a dipingere in plein air, un loro piacevole passatempo preferito. Castagno d’Andrea è anche un altro gioiello della natura dove gli artisti della scuola Annigoni s’incontravano e andavano a dipingere insieme il paesaggio toscano, luogo dove ho conosciuto il Maestro Falai qualche anno fa visitando il mio Maestro Silvestro Pistolesi. Il Critico d’Arte Pier Francesco Listri, Gilberto Grilli e Benedetto Annigoni, figlio del Maestro Pietro Annigoni, descrivono ineccepibilmente il Maestro Luigi Falai. I testi critici sono riportati nel catalogo.

 

Quello che è veramente bello di questa mostra, non sono solo le opere, ma l’amore che questi artisti hanno per il loro Maestro. Conosciuto in tutto il mondo, famoso per il ritratto della Regina Elisabetta II d’Inghilterra e tanti altri, Pietro Annigoni è un Maestro che merita ancora più riconoscimento e fama mondiale. Quello che è più ammirabile nella bottega di Annigoni è lo spirito di bottega, il passaggio delle tradizioni da pittore a pittore, artista ad artista, l’incoraggiamento e il desiderio di questi noti e maturi artisti di condividere i loro capolavori e mostrarli ad Arezzo, non soltanto per impressionare lo spettatore con la loro abilità tecnica, scelta di composizione e luce, ma di condividere semplicemente il loro amore per il disegno, la pittura e il loro Maestro Pietro Annigoni e ispirare il perseguimento dell’eccellenza nel disegno e pittura nella loro amata Toscana”.

 

Breve biografie:

Antonio Ciccone è nato a S. Giovanni Rotondo, in Puglia. Nel 1954, si è trasferito a Firenze dove ha frequentato gli studi d'arte di Pietro Annigoni, Nerina Simi e la Scuola Libera del Nudo all'Accademia delle Belle Arti. Dal 1963 al 1980 ha vissuto tra l'Italia e gli Stati Uniti. Ha tenuto più di 175 mostre personali e le sue opere si trovano in musei e collezioni private. Ha eseguito numerosi ritratti, composizioni e paesaggi, con varie tecniche: carboncino, china, olio, acrilico e affresco. Considerato tra i principali ritrattisti mondiali, Ciccone è rinomato per i suoi maestosi ritratti in carboncino e in acrilico. Dal 1986 al 1987 ha presentato una mostra itinerante in Inghilterra e Irlanda: Padre Pio e il Gargano. Nel 1987 ha eseguito l 'affresco La Natività a Ponte Buggianese (Pistoia). Nel 1992 gli fu commissionata l'opera Composizione 1992-1993 per la Cassa Rurale ed Artigiana di San Giovanni Rotondo. Molte opere sue si trovano in musei e collezioni private, come, tra l'altro, Casa Sollievo della Sofferenza e Convento dei Cappuccini di S. Giovanni Rotondo (Foggia); Parrish Art Museum, Southampton, N.Y.; Guild Hall, East Hampton, N.Y.; Forbes Magazine Collection, N.Y.; Dixie Carter Collection, Los Angeles; Robert D. Schweizer Collection, Arizona e Lady Christina Hoare Collection, Londra. Attualmente l'artista vive e lavora a Firenze.

 

Luigi Falai nasce a Firenze nel 1941, dove vive e lavora. Dal 1960 è presente nello studio del pittore e copiatore Adolfo Tagliaferri, quindi si iscrive alla Scuola Libera del Nudo dell'Accademia di Belle Arti di Firenze nel 1964, sotto l'insegnamento di Emanuele Cavalli. Al 1967 frequenta lo studio del maestro Pietro Annigoni e in seguito quello di Romano Stefanelli, dove impara, tra le molteplici tecniche, la tempera grassa, l'affresco e lo strappo dell’affresco. Nella sua carriera ha ricevuto prestigiose commissioni, tra le quali si segnalano un dipinto a olio intitolato Don Giovanni Bosco tra i giovani per il Santuario Salesiano della Sacra Famiglia a Firenze, gli affreschi raffiguranti Il Bacio di Giuda e La consegna delle chiavi a Pietro per il Santuario di S. Michele Arcangelo a Ponte Buggianese (Pistoia) e l'affresco con I Sacramenti per la chiesa di Sant’Anna a Pietrelcina (Benevento). Insegna affresco dal 1983 presso la scuola americana S.A.C.I. “Studio Art Centers International” di Firenze, e dal 2001 presso La Bottega del Bon Fresco, aperta nel capoluogo toscano assieme ai colleghi Massimo Callossi e Mario Passavanti. Numerose le sue esposizioni di successo in città italiane ed estere. Da ricordare le personali all’Istituto Italiano di Cultura di San Francisco nel 1991, a New York nel 1992, a Perth in Australia nel 1993, a Bogotà in Colombia nel 1999, a Palazzo Panciatichi, sede del Consiglio Regionale della Toscana nel 2012, e nel 2014 a Pontassieve alla Casa Rossa.

 

Per tutte le altre informazioni si prega di contattare Danielle Villicana D’Annibale a (+39) 338 600 5593 o alla seguente email: villicanadannibaleinc@gmail.com.

 

Si prega di seguire e condividere con Danielle Villicana D’Annibale e Via Cavour 85 su Facebook (@viacavour85Arezzo), Twitter (@ViaCavour85AR), Pinterest (pinterest.com/daniellevillica), YouTube (youtube.com/user/villicanadannibale), Google+ (@Danielle Villicana D’Annibale) o tramite gli hashtags #AntonioCiccone, #LuigiFalai, #OmaggioaAnnigoniII, #ViaCavour85 e #DanielleVillicanaDAnnibale.

Shop
Antonio Ciccone

 

Catalogue

 

 

 

Luigi Falai

 

Catalogue

 

 

 

Follow us, Like & Share

  • White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • Instagram - White Circle
  • White YouTube Icon

Copyright © 2019 Villicana D'Annibale, Inc.    All rights reserved.    Terms & Conditions.   Privacy Policy.